Racconti Erotici

Una Moglie per amico

Posted On marzo 25, 2018 at 7:30 pm by / No Comments

Sposato con Daniela da quasi vent’anni, non posso lamentarmi di un ménage che è sempre stato improntato sulla massima trasparenza. Mia moglie è una bella quarantacinquenne che fa girare la testa a molti uomini e di questo ne è sempre andata fiera. Non essendo per natura geloso, questa cosa l’abbiamo condivisa da sempre soprattutto nei momenti di intimità, usandola come fantasia per eccitarsi maggiormente.
Fare sesso pensando che insieme ci fosse anche un altro uomo a partecipare con noi è sempre stato un elemento morboso che ha permesso fantasie trasformatesi in veri voli pindarici che hanno amplificato il nostro piacere.
A mente fredda, ossia al di fuori del pathos derivante dalla passione, ho analizzato cosa accadrebbe se questa immaginazione si trasformasse in realtà. Razionalmente il mio ‘io’ era diviso in due parti uguali che non mi permettevano di definire una qualsiasi preferenza e ciò mi destabilizzava.
Incertezza, questa, che durò fino al giorno del mio compleanno.
Daniela mi aveva preannunciato una sorpresa e mentre ipotizzavo ad un orologio o a qualche altro oggetto personale, mi disse che sarebbe stato qualcosa di veramente inaspettato.

Dalla festa al letto è un attimo

Invitò alla cena della festa anche una coppia di nostri amici, Luciana e Riccardo. Luciana mi era sempre piaciuta e anche lei faceva parte delle mie fantasie erotiche e, quella sera, mi intrigava ancor di più vestita com’era da troia di gran lusso.
Riccardo era il suo compagno da una vita e un amico con il quale mi divertivo a giocare a tennis.
Tra una portata e una bottiglia e una bottiglia e una portata, eravamo tutti su di giri e fu allora che Luciana cominciò a fare quasi per gioco, uno spogliarello sensuale al quale si unì anche Daniela.
Era una competizione tra due bellissime donne che rimasero vestite solo con reggiseno e mutandine: di color bianco per Daniela e di color nero per Luciana. Le due si sdraiarono sul tappeto e cominciarono a toccarsi e baciarsi arroventando l’atmosfera.
Da parte sua Riccardo, comodamente stravaccato sul divano, si era abbassato i pantaloni estraendo un uccello di tutto rispetto che stava maneggiando con cura.
Io, preso dai fumi dell’alcool, avevo preso a fare altrettanto quando all’improvviso Luciana si alzò repentinamente raggiungendomi e impadronendosi della mia verga che fece scomparire nella sua calda bocca.
Con la coda dell’occhio vidi la mia Daniela impalarsi sopra l’uccello marmoreo di Riccardo e gemere mentre lo stava stantuffando e la cosa, oltre a non darmi alcun fastidio, mi aveva profondamente eccitato tant’è che esplosi dentro la bocca di Daniela che continuò imperterrita a succhiare golosamente con l’intenzione di far durare il mio stato di erezione. Poi, con una sorta di tacito invito si girò alla pecorina per essere presa da me. Fui lesto ad accontentarla mentre vedevo Daniela continuare a farsi scopare dall’amico.
Fu davvero memorabile quel compleanno che trasformò mia moglie nel mio miglior amico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *